Open bar o cash bar?

Quando organizziamo il budget per il matrimonio dobbiamo mettere in conto il lato alcolici, o meglio il bar del dopo cena.

Ci sono strutture che fanno pagare un forfait a persona, mentre altre preferiscono fare pagare ciò che si è consumato.

Chiaramente molto dipende dal tipo di ospiti e dal tipo di amici. Se sapete che la tendenza è quella di bere molto, eviterei di andarci giù pesante con super alcolici e cocktail, soprattutto se c’è da tornare a casa in macchina.

Un’idea potrebbe essere quella di prendere un classico barman e non un bartender, per monitorare meglio il livello alcolico, e magari ad un certo punto chiudere il bar. Altrimenti potreste decidere anche di offrire solamente prosecco, vino e birra e far pagare i super alcolici o i cocktail. Certo non è bello far pagare gli ospiti ad un matrimonio, ma se ci sono delle regole bisogna rispettarle.

Un’idea molto in voga negli Stati Uniti è quella di ideare due cocktail per la serata, uno per l’aperitivo e l’altro per il dopo cena da servire agli invitati.

Certamente bisogna incontrare un po’ i gusti di tutti, quindi tenere conto del gusto maschile è d’obbligo. In alternativa, potremmo ideare quattro cocktail: due più dolci per le donne e due più secchi per gli uomini.

Per quanto riguarda il vino invece, la maggior parte delle nostre location toscane sono anche aziende produttrici di vino. Quindi perché non prendere spunto e assaggiare tutte le varie etichette dell’azienda? Parleremo meglio di questo in seguito…

Salute!

Lascia un commento